Muoversi a Bangkok

By alex ercolesi - domenica, marzo 19, 2017


In una metropoli dalle dimensioni di Bangkok e spesso congestionata dal traffico è molto importante sapere come muoversi per meglio organizzarsi e guadagnare tempo prezioso da dedicare alla sua scoperta. 




Taxi, arrivando dagli aeroporti di Bangkok indubbiamente è la soluzione migliore dopo tante ore di viaggio, al Suvarnabhumi sono attivi 24 ore e si trovano al primo piano, dove nei pressi dei Gate N 4 e 7 ci sono delle macchinette automatiche che distribuiscono il numero di prenotazione con il quale si accede ai taxi, ci sono anche taxi monovolume prenotabili e che possono ospitare fino 7 passeggeri, inoltre esiste una corsia privilegiata famiglie con passeggini, disabili e monaci, al Don Muang si prendono al Terminal 1 direttamente al piano degli arrivi (level 1) ai banchi adiacenti al gate N 8, anche al Terminal 2 direttamente al piano degli arrivi ma in prossimità del gate N 6. I Taxi di Bangkok sono tutti muniti di tassametro e oltre al costo del Meter che parte da 35 Baht si aggiunge un extra di 50 baht per la presa in aeroporto più i pagamenti di eventuali pedaggi se per ragioni di traffico si opta per le tangenziali sopraelevate, ad ogni modo in linea di massima una corsa verso il centro varia tra i 350 e i 500 baht e il tempo medio di percorrenza è circa un’ora, spesso occorre insistere per il meter in caso contrario cambiare taxi. 
                                                 
 I taxi a Bangkok sono famosi per essere molto colorati e sgargianti, il colore del taxi dipende dalla compagnia di appartenenza e centrale di riferimento ma nulla cambia per il cliente, semmai quello che fa la differenza è il driver; ci sono quelli che sono proprietari del taxi (possono essere sia onesti che mascalzoni), quelli che lavorano come dipendenti del proprietario del taxi, quelli che lavorano come dipendenti della compagnia (i migliori tassisti, usano sempre il meter) e poi quelli che affittano la vettura taxi pagando un" tot" al giorno e quindi devono massimizzare il profitto cioè i peggiori tassisti per un turista, la migliore compagnia di taxi è l'ultima nata la All Thai Taxi la quale utilizza 500 Toyota ibride a basso impatto ambientale di colore giallo scuro ed equipaggiate con GPS e sistemi avanzati di monitoraggio e sicurezza (non supera i 90 km all'ora) se non s'incontrano libere per strada si prendono tramite la App per smartphone, il costo aggiuntivo sono 40 Baht, inoltre da alcuni anni molti usano la App per smartphone GrabTaxi, valida ed affidabile il suo costo aggiuntivo è 25 Baht, da qualche mese è arrivato anche Uber.

La presa classica del Taxi in città è fermarne uno di quelli che passano numerosi sulle strade 24 ore al giorno, questi sono liberi quando sul parabrezza sono ben visibili delle lucine rosse accese, in realtà trattasi della scritta “libero” in caratteri Thai, evitare quelli fermi che sostano sotto gli hotel oppure nei pressi delle attrazioni turistiche poiché difficilmente useranno il meter e spesso con svariate argomentazioni vi proporranno mete diverse da quelle prefissate, semmai quelli che sostano sotto gli hotel possono tornare utili qualora decidiate di avvalervi dei loro servizi da dedicare a escursioni fuori Bangkok senza meter e con prezzi fissi ma ben definiti che variano dai 1000 Baht per Damnoen Saduak oppure Ayutthaya fino a 2500 per un tour completo di un giorno intero in più località, va detto comunque che eccezione fatta per tutta l’area che ruota attorno Kaosan Road e Centro Storico la maggior parte di tassisti sono onesti e le corse in città sono economiche ma rese difficili dal traffico quindi meglio usarli nei quartieri periferici oppure per brevi distanze nel Centro Storico in zone non servite dalla metropolitana o dal battello.                                  

Quando si scende da un taxi ricordarsi tassativamente di aprire la portiera e scendere solo da lato sinistro (mai aprire la porta destra e scendere, cosa abituale in Italia).




Tuk Tuk una specie di ape Piaggio Asiatica con potenti motori alimentati a gas e che sfrecciano nel traffico emettendo un tipico rumore dalla marmitta che da origine al nome “tuk-tuk”, icona di Bangkok presente in molte cartoline e film, per i turisti sono spesso sconsigliati giacché a essi sono applicate tariffe quintuplicate rispetto a quello che pagherebbe un Thai inoltre  molti di essi avvicinano i  turisti proponendogli city tour a prezzi irrisori salvo poi rivelarsi una gran perdita di tempo in giro per la città da Sarti, Orefici, Venditori di Tappeti, Stoffe, eccetera, loro compari di espediente dai quali riceverete solo delle truffe.Truffe a Bangkok 
Ultimamente a bordo di Tuk-Tuk ci sono stati anche numerosi scippi o furti e nonostante abbiano messo delle reti di protezione ai lati per tutelare i clienti, i furti avvengono comunque perché alcuni guidatori sono d’accordo con gli scippatori stessi e quando vedono un turista presumibilmente benestante o distratto, rallentano la corsa o la sosta nel traffico per facilitare il lavoro del complice.     



Mototaxi, praticamente ovunque e facilmente riconoscibili dalle pettorine arancione sono gli unici a evitare il traffico cittadino, una corsa parte da 20 Baht,  dipende dalla distanza ma generalmente si muovono in ambito del distretto  di appartenenza, anche se a volte sono pericolosi e sprezzanti del pericolo, ma risultano molto efficaci quando si ha fretta per davvero.



Minivan, per corse in città e periferia si prendono ovunque con fermata a richiesta, molto usati dai pendolari Thailandesi che ne leggono facilmente il percorso e la destinazione scritta in alfabeto Thai, per corse fuori città o verso città vicine dal 25 ottobre 2016 NON partono più da Victory Monument, ma partono dall’East Terminal bus station di Ekkamai per le destinazioni verso Est quindi Pattaya, Koh Samet, Rayong, Trat, Koh Chang, Chantaburi, ecc, dal North Terminal bus station di Mor Chit2 per le destinazioni Nord/Nord Est tipo Ayutthaya, Pak Chong (Khao Yai National Park), Phitsanulok, ecc, e dal New SouthernTerminal bus station Sai Tai Mai  e dall' Old Southern Terminal Bus di Tailing Chang  (sono a poca distanza tra loro) per le destinazioni Sud tipo Ampawa, Damnoen Saduak, Mae Klong, Nakhon Pathom, Kanchanaburi, Cham-Am, Hua-Hin, ecc, ecc, essi partono a ripetizione dalle prime ore del mattino fino al tardo pomeriggio ogni qualvolta si riempiono, il biglietto si compre agli appositi banchetti ed è a tariffa fissa uguale per tutti sia Thai sia stranieri, i prezzi variano da 60 Baht fino ai 400 per le destinazioni più lontane, se si hanno valige si paga un piccolo extra. Per raggiungere la bus station Est di Ekkamai, si prende il BTS scendendo all'omonima fermata, per la Nord/Nord Est station di Mor Chit 2 da Victory Monument si prende il Bus N.77, 157, 509, 536 oppure la navetta, mentre dalla stazione capolinea del BTS di Mo Chit dall’uscita N.4 si prende il bus A1, A2, per raggiungere la stazione dei bus, Sai Tai Mai o Tailing Chan dove partono in direzione Sud, da Victory Monument si prende il Bus N.28,125,515,539,542 mentre da Democraty Monument (zona Khao San road) si prendono i bus N.79,  174,183, 511,556.




Rot Songthaoeuw , taxi collettivi in pratica dei pick-up modificati con panchette laterali e tetto in alluminio che dalle strade principali entrano nel cuore dei quartieri muovendosi su percorsi prestabiliti e con fermata a richiesta, molto utilizzati dai pendolari in quanto i mezzi pubblici non si addentrano nei villaggi, il prezzo varia dai 7 ai 15 Baht.                




 Long Tail Boat, questa classica imbarcazione Thai si presta per gite dal fiume verso i canali di Thomburi, si noleggia ai moli lungo il fiume dai barcaioli ma soprattutto al Central Pier Sathorn (BTS Saphan Taksin Exit N 2) dove in prossimità del molo ci sono alcuni desk che propongono giri turistici basati su tre itinerari oppure noleggi privati, poi al molo di Tha Chang (Boat Rental Company) e quello del cross ferry adiacente al Wat Arun dove orientativamente per un’ora di noleggio si spende 700 Baht a testa per due persone, 500 Baht a testa per tre persone, 400 Bath da quattro in su.                                                                                                                                                                                                                                  




Mezzi pubblici, in una città sempre trafficata utilizzare la rete di metropolitana permette di risparmiare tempo prezioso, la rete è composta dal BTS l’avveniristica metropolitana sopraelevata concepita nel 1996 e conosciuta come  Skytrain, la MRT la classica metropolitana sotterranea e l’ARL Airport Rail Link, inoltre anche con il battello fluviale Chao Phraya Express Boat e la barca veloce su l’unico lungo canale navigabile regolarmente, il Klong Saen Saeb Express Boat si risparmia tempo, viceversa utilizzando gli economici e capillari Bus anch’essi come i taxi sono rallentati dal traffico e si rischia di passarci sopra anche qualche ora.




BTS (dalle 06:00 alle 24:00)  è formato da due linee la Silom e Sukhumvit le quali interagiscono alla stazione di Siam, inoltre il BTS interagisce con l’ARL alla stazione di Phayathai, con la MRT alla stazione di Asoke, Saladeng e Mochit e con il Chao Phraya Express Boat alla stazione di Saphan Taksin per cui utilizzando il BTS in abbinamento con gli altri mezzi si arriva ovunque in città, creare un itinerario turistico con il BTS è molto semplice tramite la pagina web"Esplora Bangkok con il BTS" dove troverete in alto a sinistra dello schermo un elenco da cui scegliere la tipologia di luogo da visitare,  poi una volta  fatta la selezione, dal menù a tendina in alto a destra scegliere il luogo da quelli che appaiono in elenco e sarà visualizzato percorso e mezzi da prendere.

Per accedere al BTS bisogna necessariamente fare il biglietto alle macchinette elettroniche che accettano solo monetine le quali sono cambiate agli sportelli dagli impiegati preposti che oltre al cambio vendono anche tessere giornaliere o tessere a scalare valevoli solo per il BTS, nel senso che non interagiscono con gli altri mezzi, ma hanno il vantaggio di evitare la lunga coda di persone che si forma nelle ore di punta sia agli sportelli del cambio moneta che alle macchinette dei ticket, il biglietto ha un costo variabile in base alla destinazione, esso è un ticket magnetico che va conservato anche dopo l’inserimento al tornello d’ingresso poiché poi andrà reinserito ai tornelli di uscita. 

 Lo Skytrain corre veloce sulle vie cittadine offrendo una prospettiva diversa della città e fare una corsa tra le fermate capolinea sbirciando dai finestrini,  rappresenta un modo diverso per approcciare alla città moderna e i suoi abitanti vista da un’altra prospettiva. http://www.bts.co.th




MRT (dalle 06:00 alle 24:00), interagisce con il BTS alla fermata Sukhumvit, Silom e Chatuchak, inoltre con l'Airport Rail Link alla fermata Petchburi, la MRT è formata da due linee la Blu Line (sottoterra) e la nuova Purple Line (skytrain) che si spinge in molti distretti di Nonthamburi esse inter scambiano alla stazione Tao Poon, in termini di utilizzo la differenza principale rispetto al BTS è che si evita di cambiare le banconote in monetine giacché oltre alle macchinette che accettano anche banconote, ci sono gli sportelli con operatore che vendono i biglietti, il prezzo della corsa non ha un costo fisso ma varia in base alla destinazione, queste linee non hanno un ticket magnetico come il BTS ma un gettone di plastica il quale all’ingresso del tornello va sfiorato sul lettore e in uscita inserito nella fessura del tornello, se si perde si pagherà la cifra massima prevista. http://www.bangkokmetro.co.th
Da Agosto di quest'anno (2019) apre la nuova fermata Sanam Chai adiacente al Grand Palace e Wat Pho



  ARL, l’Airport Rail Link è lo skytrain che collega l’aeroporto Suvarnabhumi in modo diretto con alcuni quartieri della città arrivando fino nella zona centrale di Phayathai che fa da cuscinetto tra il centro antico e quello moderno, questa linea interagisce con il BTS alla stazione capolinea di Phayathai, con la MRT alla fermata Makkasan dalla quale c’è uno skywalking che conduce in maniera diretta alla stazione Petchburi, e con la barca veloce sul klong Saen Saeb alla fermata Ramkhamhaeng. Per utilizzare l’ARL, le regole sono le stesse della MRT, quindi biglietto allo sportello oppure alle macchinette e gettone di plastica per viaggiare, il costo varia in base alla fermata, inoltre da poco  tempo in ogni stazione sono stati sistemati degli armadietti a pagamento per depositare piccoli bagagli. www.srtet.co.th
Bisogna sapere che questi mezzi di trasporto non condividono né tessere giornaliere, né abbonamenti per cui ognuno utilizza il proprio, inoltre in tutte le stazioni sia BTS sia MRT sia ARL ci sono varie uscite e diversi tornelli che portano verso direzioni opposte e tra le quali a volte c’è anche un chilometro da percorrere a piedi per cui sarebbe meglio focalizzare l’uscita da prendere in base alla meta prefissata ancora prima di inserire il gettone/tessera nel tornello di uscita, onde evitare poi di percorrere strada a ritroso qualora si esca da lato sbagliato.
Molti turisti si avventurano con valige o passeggini per le scale mobili mettendo in pericolo se stessi e gli altri, oramai quasi tutte le stazioni di BTS, MRT, ARL sono dotate di ascensori, basta cercarli o chiedere al personale anche semplicemente prima di affrontare i tornelli con le valige o passeggini (salvo poi restare bloccati) poiché ci sono dei passaggi dedicati.




Chao Phraya Express Boat è il battello fluviale che permette di raggiungere nel modo migliore tutte le attrazioni turistiche del Centro Storico, di Thomburi e di Nonthamburi ultimo baluardo non ancora invaso dal turismo di massa. Questo mezzo di trasporto fluviale si divide in due tipi di battelli:
Tourist Boat, in servizio dalle 9:30 alle 16 il biglietto costa 40 Baht e si riconosce sia per la bandiera azzurra sia per le dimensioni generose del battello, questa linea fa solo le fermate turistiche comprese dal molo principale Central Pier Sathorn (BTS-Saphan Taksin) fino a quello di Pra Athit. 
Battelli di Linea, sono leggermente più piccoli e si dividono in quattro linee, Orange-Green-Yellow in sostanza i colori delle bandiere che svettano ai rispettivi moli di attracco e sui battelli, la Local Line che invece è senza bandiera e ferma ovunque, il percorso delle quattro linee è identico la differenza è data dal numero di fermate e dagli orari operativi per cui quella che meglio si presta a scopi turistici sia per frequenza sia per orari operativi sia per numero di fermate, è l’Orange Flag in servizio non stop dalle 6 alle 19:45, il biglietto costa 15 baht a corsa e si fa a bordo. In prossimità delle fermate del battello fluviale ci sono sempre Cross Pier praticamente dei moli adiacenti a quelli dei battelli ma  serviti solo dai barconi che attraversano il fiume da sponda a sponda al costo di 4 Baht, inoltre si vende anche un giornaliero a 150 Baht valido per tutte le linee compresa quella turistica, per maggiori informazioni questo è il  Sito Web  anche se purtroppo non è mai aggiornato.


La barca veloce sul canale Klong Saen Saeb taglia il traffico cittadino correndo per 18 Km da Bang Kapi (Nord Est) fino al ponte Panfa Leelard ai piedi del Wat Saket e Loha Prasart (Centro Storico), questo canale fu costruito per volere di Rama III nel 1837 come via militare verso la Cambogia durante la guerra tra il Regno del Siam e quello di Annam (Vietnam), oggigiorno purtroppo soprattutto nel tratto che da Pratunam arriva a Bangkapi quindi la Nida Line, è una fogna a cielo aperto ma ciò nonostante ci vivono varani e durante la stagione calda scugnizzi si tuffano al passaggio della barca. Al molo di Pratunam (Central World) c’è lo scambio tra le due linee, la barca che va/arriva da Bangkapi (Nida Line) con quella che va/arriva da Panfa Leelard (Golden Mount Line), il costo del biglietto che si fa a bordo è tra i 10 e 20 Bath a seconda la fermata, il servizio è attivo dalle 5:30 del mattino alle 20:30 durante la settimana mentre il Sa, Do e festivi fino alle19. Guarda il Percorso



Autobus, anch’essi a Bangkok rispecchiano in pieno la città essendo pittoreschi variegati e imprevedibili, spesso con interni nella zona conducente e bigliettaio personalizzati dagli stessi con immagini, gadget, gavette e qualche volta anche stereo o tv, inoltre va detto che ci sono vari Bus che operano sulle stesse tratte con gli stessi numeri ma con caratteristiche, servizi e prezzi diversi per cui in attesa a una fermata vedrete passare bus molto diversi tra loro ma con lo stesso numero, si va da quelli moderni con aria condizionata di colore giallo oppure bianchi a quelli arancio o blu con banda color crema sempre con aria condizionata ma meno moderni poi ci sono quelli blu e crema, rossi e crema oppure tutti rosa sgargianti con i ventilatori, finestrini aperti, alcuni con pavimenti di legno di un’altra epoca e con improbabili autisti e bigliettai “Felliniani” capaci di riconoscere tutti quelli appena saliti a una fermata e fargli il biglietto. I Bus più temuti dagli automobilisti e pedoni sono quelli corti di colore arancione che viaggiano zigzagando tra le auto, agitando i passeggeri con effetto “tagadà” e spesso in gara tra loro. La maggioranza dei bus ha il percorso scritto in caratteri Thai quindi risulta difficile capirne sia il percorso il quale ha delle varianti tra andata e ritorno (In-bound/Out-bound) sia la destinazione, comunque  in uno dei maggiori punti di interconnessione, Victory Monument ci sono i chioschi della BMTA con addetti sempre pronti e gentili nel fornire indicazioni. 




BRT è una linea di autobus ultramoderni ad accostamento ottico e corsia riservata, alle stazioni si accede con delle rampe tipo quelle del BTS, peccato che  serve solo 17 km a Sud, da (BTS Chong Nonsi) fino a Ratchapruek (BTS Talad Plu).
                                         
                                 
                                                                                                                                                                                                                       


  • Share:

You Might Also Like

1 commenti

  1. bravo Alex, tutto spiegato in modo semplice e chiaro , molto utili anche i vari link del post, continua così.

    RispondiElimina